Scambio di informazioni fiscali: incredibile, ma vero

Scambio di informazioni fiscali: incredibile, ma vero

Sette paesi, tra cui alcuni considerati paradisi fiscali, sono stati riconosciuti come "conformi" agli standard di trasparenza fiscale internazionale, secondo una revisione tra pari condotta da membri del Forum globale dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Hong Kong, il Liechtenstein, il Lussemburgo, i Paesi Bassi, la Macedonia settentrionale, la Spagna e le isole Turks e Caicos hanno ricevuto buoni voti nella valutazione, poiché hanno apportato modifiche ai loro quadri giuridici e normativi in ​​materia fiscale. Tra gli elementi comuni ai sette paesi identificati come positivi dai valutatori c'erano: miglior accesso alle informazioni fiscali per i loro cittadini, sviluppo di reti più ampie di richieste di scambio di informazioni e una gestione più appropriata di queste richieste.

Che cos'è il Forum globale sulla trasparenza e lo scambio di informazioni a fini fiscali dell'OCSE?

Il Forum globale sulla trasparenza e lo scambio di informazioni a fini fiscali dell'OCSE è stato creato dieci anni fa, al fine di elaborare norme sul diritto fiscale per sradicare i cosiddetti "paradisi fiscali". Questa organizzazione ha la partecipazione di 154 giurisdizioni in tutto il mondo e si concentra sul fare pressione su queste giurisdizioni per farle aderire e che attuino sia il meccanismo standard di trasparenza nelle richieste di scambio di informazioni sia lo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari.

Per garantire che i suoi requisiti siano soddisfatti, il Forum Globale monitora e controlla le azioni svolte dalle giurisdizioni, in relazione al quadro giuridico e normativo per la riscossione delle imposte. Uno dei meccanismi più implementati è la realizzazione di revisioni tra pari, in cui gli esperti dell'OCSE valutano ciascuna giurisdizione. Lo scopo è così grande che il Forum ha il diritto di controllare anche quelle giurisdizioni che non appartengono all'organizzazione.

La prima parte delle revisioni tra pari è stata effettuata tra il 2010 e il 2016. D'ora in poi, tutti i membri del Forum globale riceveranno una seconda revisione tra pari. I sette paesi summenzionati sono riusciti a "superare" con successo il controllo, sebbene ciascuno abbia ricevuto "raccomandazioni" dagli esperti per implementare in modo più efficace gli standard internazionali di trasparenza e scambio di informazioni a fini fiscali.

Cos'è lo scambio di informazioni?

È il rapporto di comunicazione tra Stati che ha per oggetto lo scambio di informazioni sull'applicazione elusiva o evasiva dei rispettivi sistemi fiscali da parte di soggetti residenti. Revisioni paritetiche delle richieste di scambio di informazioni (EOIR) è l'attività principale svolta dal Forum globale. Il gruppo di revisione è composto da 30 membri.

Nel 2016, i leader finanziari del G20, che sono i paesi che impongono la maggior parte delle tasse sui loro cittadini, hanno identificato una serie di giurisdizioni che, secondo loro, non rispettavano gli standard internazionali di scambio delle informazioni fiscali. Per controllare i cosiddetti "paradisi fiscali" è stata creata una procedura di revisione, che ha aumentato la pressione internazionale su queste giurisdizioni. Non pochi hanno dovuto modificare le loro leggi per dimostrare "progressi" nell'attuazione degli standard EOIR e, quindi, lasciare le liste grigie e nere, in cui erano state inclusi, ma sono ancora utilizzabili per la pianificazione fiscale, con un serie di triangolazioni e / o utilizzabili in combinazione con altri paradisi fiscali o paesi a bassa tassazione o a zero tassazione (come gli Stati Uniti che non applicano tasse su conti bancari non residenti).

Gli esperti del Forum globale quando effettuano la revisione tra pari cercano che la giurisdizione disponga degli strumenti necessari per lo scambio di informazioni fiscali e che tali informazioni siano a disposizione delle autorità competenti.

Uno dei cambiamenti fondamentali nella seconda parte delle revisioni tra pari del Global Forum è che ora le giurisdizioni sono tenute a offrire non solo informazioni sull'identità e fiscali dei proprietari di entità giuridiche (ad esempio, di società), ma anche questi stessi dati, però di tutti i beneficiari di queste entità. Questa trasformazione mira, secondo il Global Forum, a aumentare la lotta contro le società di comodo ed ad impedire l'uso di meccanismi legali per nascondere l'identità dei proprietari legali. Per molti è anche un modo per aumentare il controllo sui cittadini e chiedere più tasse, con cui questi paesi possono permettersi i loro enormi apparati burocratici. Non sembra casuale che sia il G20 dietro questa "iniziativa".


Se ha dubbi può contattarci per mail, se preferisce una consulenza telefonica deve aver pagato il servizio o pagare la consulenza

Prenotare

Avvertenze di rischio
I punti di vista e le opinioni espresse dal sito sono soggette a modifiche in base alle leggi, mercato e ad altre condizioni. Le informazioni fornite non costituiscono un consiglio legale e non dovrebbero essere considerate come tali. Tutto il (i) materiale (i) è stato ottenuto da fonti ritenute attendibili, ma la sua attualitá al momento della lettura non è garantita. Non vi è nessuna garanzia o rappresentazione in merito all'attuale precisione o responsabilità per le decisioni basate su tali informazioni.

Banana00

localbitcoin_it

aprire conto all'estero

società offshore

voguepay

Supporto

Caporaso & Partners Law Office
Avenida Samuel Lewis, Torre Omega, suite 5D.
Panama.

Generale: [email protected]

Telefoni
Italy: +39 (06) 993357861
Spagna: +34 (93) 1845787
Panama: +507 8327893
Panama: +507 8339512
Stati Uniti: +1 (305) 3402627

SMS
Italy: +39 3399957837
Panama: +507 68263130

Urgenze:
+507 8339512

Servizio al cliente dalle
08:00 - 17:00 (inglese, italiano, spagnolo)